Daniele Sambo e il suo progetto per far rivivere luoghi dimenticati

 

Anche i luoghi hanno un’anima, e quando ci si dimentica di essi cambiano forma, quasi come una donna non più corteggiata dal proprio uomo: si lasciano andare, si impoveriscono.

Questi luoghi, però, possono riprendere vita se ci si dedica nuovamente ad essi, se li si cura, se li si ama, ed è quello che ha fatto Daniele Sambo con un progetto artistico/fotografico meraviglioso.

Artista e fotografo veneziano, classe 1983, laureato in pianificazione urbana e territoriale presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, Daniele Sambo oggi insegna fotografia e comunicazione visiva alla Glasgow School of Art.

Il suo progetto fotografico denominato “Sown” sarà in mostra dal 10 Luglio al 10 Settembre 2014 allo Studio Bild; “Sown” in inglese significa “seminato”, e allo stesso tempo rimanda foneticamente al participio passato del verbo “cucire”, legare insieme, come il lavoro degli abitanti dei luoghi ritratti che, insieme, hanno realizzato delle installazioni notturne temporanee per riportare alla luce e far rivivere questi luoghi dimenticati.

Daniele-Sambo-Urban-Roots-from-Sown-2011

213MMSURijekaR02F02 001

 

Dove: Studio Bild – Via Cesare Lombroso 20/A, Torino

Quando: Dal 10 Luglio al 10 Settembre 2014

Orari: —

Biglietto: —

Contatti: Tel: 340 824 0622 – Mail: bild@live.it – Website: http://cargocollective.com/bild